Tarantiadi.. all’archeoparco cifre a tre zeri

Fonte Nuovo Quotidiano di Puglia, 19 agosto 2014:
Articolo di Francesca RANA

Affascinare sull’Archeologia della Magna Grecia seguendo una impercettibile, eppure sostanziale, scia di divulgazione ludica e scientifica, rievocazione o ricerca, sul campo o in un convegno. Taras è ricca di testimonianze, emerse, sommerse, sotterranee, studiate, immaginate. Chi ha vissuto nel mito della capitale della Megale Hellas, oggi inventa le “Tarantiadi” all’Archeogiochi del Parco Archeologico di Saturo. Chi continua a confrontarsi, ormai è alla vigilia del più importante Convegno di Studi sul tema. Cultura è questo, in diverse forme e situazioni, con lo stesso obiettivo. La prima edizione delle “Tarantiadi: Echi ed Agoni dalla Grecia Antica”, si è svolta il 12 e 17 agosto. Consisteva nel rievocare rituali dei giochi nati ad Olimpia nel 776 a.C, sfidarsi in vere e proprie gare, tra grandi e piccoli, coinvolgere gli spettatori, inserire in sottofondo musiche greche attinenti, indossare vesti ispirate.
Il vento del Dio Eolo non è riuscito a fermare il rito propiziatorio apotropaico contro il maligno, o la danza pirrica dei guerrieri, nelle Panatenee di Atene o nelle Gimnopedie di Sparta. E se non si partecipava alle competizioni, si lavorava l’argilla, creando le maschere della tragedia o delle commedie, meduse e satiri. Continua a leggere

Annunci